Ultima modifica: 3 febbraio 2019

Chiarimenti casi scabbia

Si informa  che la scuola, non appena ha avuto notizia dei casi di scabbia, ha provveduto a consultare la Aslroma1 per chiedere se il caso fosse stato denunciato dall’ospedale che ha fatto la diagnosi. (Si precisa che deve essere la Asl, una volta ricevuta la denuncia dal medico / struttura ospedaliera a comunicarlo alla scuola e non viceversa). In attesa di conferma si è provveduto a ricontattare la famiglia per chiedere dettagli e richiedere copia delle certificazioni mediche che testimoniassero l’avvio della terapia medica. Immediatamente si è verificato che gli alunni, appartenenti allo stesso nucleo familiare , erano assenti da molti giorni da scuola. Dalla Asl si è avuta rassicurazioni che l’unica azione necessaria fosse l’informazione alle famiglie e agli operatori che a vario titolo frequentano la scuola. E questo è stato fatto . Inquieta e amareggia constatare che una dovuta informazione sulla presenza di una patologia diffusa e facilmente curabile sia stata utilizzata per ledere l’immagine della scuola. Per chi è interessato a saperne di più la scabbia è una malattia della pelle più diffusa di quanto si creda. Colpisce ogni anno nel mondo milioni di persone senza distinzioni di sesso ed etnia ( fonte 

 

http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?id=210&area=Malattie_infettive)

Dirigente Scolastico Dott.ssa Cinzia Pecoraro